Ciò che conta può non essere il risultato…

28 Aprile 2020 09:50
4 min.

Non so se vi siete mai trovati in una condizione di questo tipo, io sì in passato, più volte anche. A dire il vero ancora oggi, a volte mi capita, perché non ammetterselo?!

Quale condizione? Nella condizione di puntare tutto sul risultato, di arrivare trafelata alla meta, di pensare che mi sarei sentita in un certo modo (felice, grata, riscontrata, appagata ecc.) solo e quando avessi ottenuto ciò per cui mi stavo tanto impegnando.

Non che questo sia giusto o sbagliato, non sono conversazioni utili quelle che cadono nel giudizio di merito o di qualità, piuttosto mi sono chiesta nel tempo cosa mi fossi persa lungo il percorso per arrivare al mio obiettivo? Cosa non avessi visto, apprezzato, imparato, lasciato indietro, di me o di chi mi stava aiutando nel conseguire quel qualcosa …

E poi, una volta arrivata all’obiettivo, mi sentivo davvero come avevo “sperato”? Oppure in fondo, non bastava nemmeno quello per farmi stare bene, per dirmi “brava” ce l’hai fatta? Mi serviva subito un altro obiettivo, più alto a cui puntare?

Come se avessi sempre bisogno di dimostrare a me stessa ed agli altri che riuscivo ad essere sempre sul pezzo… Quale standard mi ero data, che mi aveva imposto di fare sempre e sempre di più?
Di più, se il risultato non arrivava? Se nonostante l’impegno, la costanza, la mobilitazione di tutte le mie forze, l’obiettivo non lo centravo, per qualsivoglia ragione, anche esterna al mio operato (sceglievano un progetto diverso per qualsivoglia ragioni, o un candidato interno, oppure il progetto non vedeva la luce ecc.) come mi sentivo?

Riuscivo lo stesso a dirmi “brava”? Brava per l’impegno, per le lezioni che avevo imparato? O viceversa tutto il percorso era vanificato, dalla non riuscita, vista come un fallimento?
Se non impariamo ad apprezzare il viaggio che ci porta ad un risultato, e se nel caso quel risultato non arriva, potremmo trovarci molto impoveriti, senza davvero aver conseguito nulla.
Valorizzare il percorso che ci porta ad una certa destinazione, è ciò conta, non perché bisogna accontentarci, ma perché è ciò che viviamo giorno per giorno, è ciò di cui è fatta anche la meta. E’ ciò di cui siamo fatti noi. Ed il nostro successo personale.

Ileana Todeschini


coaching 26 Giugno 2019 11:27

Il coaching inclusivo

Da tempo nel mondo della programmazione urbanistica si progetta in modo inclusivo. Il concetto di...